La finanza sostenibile può cambiare il mondo

Mai come in questo momento i riflettori del mondo sono accesi sui temi della sostenibilità, parola che sta entrando sempre più nel gergo quotidiano. In questo articolo proverò, a mio modo, a fare chiarezza sul tema, perché credo ci sia tanta confusione. Lo farò parlando di investimenti ovviamente, dimostrandoti che la finanza sostenibile può cambiare il mondo. Te ne parlo come sempre con parole semplici.

Non abbiamo un Pianeta B

Non credo servano molte altre parole. I giovani di tutto il mondo, capitanati da Greta Thunberg, lo sostengono a gran voce da anni. Continuando con questo menefreghismo globale, con una politica delle chiacchiere (dei bla bla bla l’ha definita la Thunberg qualche giorno fa) potremmo innescare dei meccanismi irreversibili di deterioramento delle condizioni di vita sulla Terra. Non abbiamo, almeno al momento, nessun altro pianeta dove andarci a rifugiare, pertanto il problema è molto serio e molto urgente.

Questa tanto vituperata finanza

Troppo spesso associata mentalmente a uomini avidi che mirano solo a ingrassare i loro portafogli a scapito della collettività. Eppure la finanza potrebbe rivelarsi una della armi migliori nella lotta alla difesa del pianeta Terra. Non ci credi? In questo articolo proverò a dimostrartelo.

Si è tenuto lo scorso mese di Settembre a Milano il Salone del Risparmio (clicca qui per visitare il sito ufficiale dell’evento), la più grande e importante manifestazione che si tiene ogni anno sulla finanza e sugli investimenti in Italia. Ebbene, uno dei 7 percorsi Tematici del Salone era intitolato “Sostenibilità ed Inclusione“, a testimonianza di quanto centrale ed attuale il tema della sostenibilità sia oggi nel mondo finanziario. Ok, ma perché? E’ qui il nodo della questione.

Cosa vuol dire sostenibilità

Ribadisco quanto detto in premessa: prima di procedere dobbiamo sgombrare il campo dai dubbi e fare chiarezza sul tema: che vuol dire sostenibilità?

Si parla di sostenibilità quando un processo può essere mantenuto ad un certo livello indefinitamente. Il principio che governa la sostenibilità prende il nome di sviluppo sostenibile. Questo riguarda tre ambiti strettamente legati ed interconnessi tra loro: ambientale, economico e sociale. Pertanto si ha sviluppo sostenibile quando questo è attento all’ambito ambientale, all’ambito economico ed all’ambito sociale.

Sai che preferisco, quando possibile, evitare la lingua inglese, ma qui me lo devi concedere un attimo. I tre pilastri dello sviluppo sostenibile, sono Environmental (Ambientale), Social (Sociale) e Governance (sistema di conduzione e direzione di un’azienda o di un Paese).

Quindi riassumendo c’è sostenibilità quando lo sviluppo è sostenibile; c’è sviluppo sostenibile quando vengono rispettati questi 3 fattori: Environmental, Social e Governance, ESG. Ho dovuto passare dalla lingua inglese in quanto era importante capire come si arrivasse all’acronimo ESG, che di fatto è un marchio che viene messo a quegli strumenti o processi che possono essere definiti sostenibili.

(E)nvironmental, I principi ambientali

Le aziende ed i Paesi che rispettano i fattori ambientali sono quelli, nello specifico, attenti ai seguenti argomenti: rifiuti inquinamento, esaurimento delle risorse naturali, preservazione della biodiversità, emissione di gas serra, deforestazionecambiamento climatico.

(S)ocial, i fattori sociali

Saranno considerati Social, quelle società o quei Paesi che hanno un modo virtuoso di trattare le persone: relazione con i dipendenti, condizioni di lavoro, compreso il lavoro minorile e la schiavitù, finanziamento di progetti o istituzioni che serviranno le comunità povere e sottosviluppate a livello globale, salute, sicurezza, gestione dei conflitti sociali.

(G)overnance, i fattori economici

Infine, le Aziende ed i Paesi che rispettano i fattori di Governance avranno istituito opportune ed adeguate strutture, regolamenti e strategie al loro interno con riferimento a: strategia fiscaleremunerazione dei dirigentidonazioni e pressioni politichecorruzione, diversità e struttura di governo aziendale e statale.

La finanza sostenibile

La finanza sostenibile investe con l’obiettivo di generare sia un ritorno finanziario sia un impatto ambientale e sociale positivo, concreto e misurabile. Cosa significa per essere più chiari? Che nella costruzione degli strumenti finanziari ESG le Aziende ed i Paesi verranno selezionati in funzione del loro grado di rispetto dei fattori ambientali, di governance e sociali.

Hai un grande potere

Prima di tutto ti faccio qualche domanda: se potessi scegliere, preferiresti investire i tuoi risparmi su:

  • aziende o Paesi che con i loro rifiuti inquinano le acque dei mari e dei fiumi o su aziende che sono attente a non inquinare?
  • società o Paesi che sfruttano il lavoro minorile sottopagato o su aziende con dipendenti perfettamente in regola, che puntano allo stesso modo sulle donne e sugli uomini garantendo loro le stesse retribuzioni e le stesse possibilità di carriera?
  • aziende che con le loro emissioni stanno causando il surriscaldamento della Terra o su aziende che si stanno impegnando a rimanere sotto i parametri richiesti?

Se, come credo fortemente, ti piacerebbe investire su aziende virtuose, attente ai principi della sostenibilità, ti do una bellissima notizia: puoi farlo!

Il tuo consulente finanziario ti saprà consigliare gli strumenti ESG più virtuosi: esistono già, ed è facile prevedere che ce ne saranno sempre di più.

Adesso seguimi in questo viaggio virtuoso

Nei prossimi giorni tu, come tanti altri investitori nel mondo, consigliati da bravi consulenti finanziari, inizierai a dirottare i tuoi risparmi verso strumenti finanziari sostenibili, strumenti ESG.

I fondi ESG inizieranno a comprare (con i tuoi risparmi e quelli degli altri investitori) ingenti quantità di titoli (azioni o obbligazioni) di aziende virtuose (se vuoi sapere come funziona un fondo comune di investimento clicca qui).

Ti faccio notare una cosa: quando una casa di investimento decide di acquistare azioni o obbligazioni di un’azienda lo fa per milioni di dollari o di euro, a volte per miliardi; pertanto quella casa di investimento diventerà un azionista di peso dell’azienda prescelta.

Ne consegue che il suo parere sarà vincolante per approvare o bocciare le proposte presentate in qualunque ambito strategico. Per capirci facciamo un esempio: se il consiglio di amministrazione di un’azienda produttrice di scarpe propone l’apertura di un nuovo stabilimento per sfruttare manodopera a basso costo, il fondo, divenuto azionista di peso della società, si opporrà.

Fin qui tutto chiaro? Bene.

Se mi hai seguito fin qui ti sarà adesso chiaro che un fondo ESG (quindi attento alla sostenibilità) promuoverà tutte le iniziative societarie virtuose mentre boccerà quelle che vanno nella direzione opposta.

Manca poco per terminare il nostro viaggio virtuoso. L’ultimo passaggio è quello di mettersi un attimo nei panni delle aziende. Quelle virtuose saranno scelte sin da subito dai fondi ESG, beneficiando dell’apporto notevole di capitale fornito. Le aziende non virtuose, quelle che fino ad oggi hanno scelto di inquinare, di trattare male i dipendenti etc., saranno <<costrette>> ad adeguarsi se vorranno continuare ad essere appetibili per i risparmiatori di tutto il mondo, sempre più sensibili al tema della sostenibilità.

In conclusione

Adesso spero che la frase “la finanza sostenibile può cambiare il mondo” ti risulti meno utopica e molto più realistica e concreta.

Gli investitori, uniti, hanno il potere di destinare i loro ingenti capitali verso la sostenibilità, verso mari e fiumi più puliti, verso lavoratori più tutelati e più rispettati, verso donne più valorizzate, verso emissioni di gas serra ridimensionate, verso la salvezza del pianeta e una migliore qualità della vita.

Ciao, alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.