Al riparo dall’apocalisse finanziaria

Ti ricordi, in prossimità del Natale (parliamo di meno di un mese fa!), gli scenari apocalittici che venivano dipinti dai media? Ti ricordi che mentre andavi a comprare il panettone, invece di Jingle Bells alla radio sentivi parlare di crisi dei mercati finanziari, di recessione alle porte, di fine di un’era, di punto di non ritorno! Non c’era tempo da perdere! Bisognava immediatamente mettersi al riparo dall’apocalisse finanziaria!

E allora tu, da investitore, giustamente spaventato, o meglio terrorizzato, cosa hai fatto? Hai venduto tutto, come se non ci fosse un domani: azioni, obbligazioni, fondi, polizze, TUTTO! Hai fatto provvista di cibo in scatola, acqua e medicinali e ti sei barricato nel tuo conto corrente bunker in attesa della pioggia di missili finanziari!

Già ti imagino, con il tuo binocolo a guardare il cielo in attesa dell’attacco, felice per averla scampata, orgoglioso di aver liquidato tutto per tempo, prima della catastrofe. Bravo! E’ la vigilia di Natale, si sentono i tuoni finanziari all’orizzonte, i mercati sono molto turbolenti in attesa che si scateni la tempesta, ma tu ne sei fuori, nel prato verde del conto corrente, tra uccelli che cinguettano e ruscelli di acqua limpida! Ma che bello!

C’è solo un piccolo problemino che ti disturba

Per poter scappare dagli investimenti non hai potuto fare troppo lo schizzinoso sui prezzi, bisognava sbrigarsi, bisognava salvare il salvabile, e quindi hai dovuto portare a casa delle sonore perdite su tutto: sull’azionario, ma anche sull’obbligazionario; in qualche caso hai dovuto pure pagare dei costi di uscita, ma chi se ne frega! Restare investiti sarebbe stato un suicidio, un hara kiri finanziario!

Ecco che riaprono i mercati

Passato il Natale, alla riapertura dei mercati sei andato subito a curiosare, pregustandoti la soddisfazione di assistere agli tsunami di borsa, ai terremoti obbligazionari, provando anche un pò di sana compassione “natalizia” per i pazzi che erano rimasti investiti! I primi giorni inaspettatamente sono di rialzo, abbastanza generalizzato, ma ci può stare: “adesso arrivano le sberle, sicuro!” Si arriva a capodanno ma di crolli, tsunami e catastrofi neanche l’ombra; anzi sta risalendo tutto! “Ma vedrai all’inizio del 2019 che succede!”

Arriva l’Epifania

L’epifania porta via tutte le feste, ma non porta nessuna discesa dei mercati! Nel frattempo tutti i grandi guru che prima di Natale pontificavano di cataclismi in arrivo, iniziano a dileguarsi, gli orsi che dovevano ammazzare tutti i tori in giro per il mondo se ne tornano in letargo e i mercati continuano a salire.

Altro che crollo!

“Vi prego! Fatemi rientrare! Scherzavo! Adesso come faccio a rientrare a questi prezzi; adesso sono troppo alti! e se poi arriva il crollo?”

Un tranquillo natale di Paura

Ho voluto sdrammatizzare, ma in realtà tantissimi risparmiatori hanno agito come il nostro malcapitato eroe, svendendo gli strumenti finanziari che avevano acquistato magari pochi mesi fa e, mangiandosi le unghia, le dita e le mani, stanno adesso valutando l’idea di rientrare, se non l’hanno già fatto.

In questo grafico ecco quello che è successo sui principali mercati azionari (ho messo anche il FTSE MIB Italiano, un pò per patriottismo, non di certo per l’importanza, chiedo venia!)

Si va dal + 5,42% dell’Euro Stoxx 50, l’indice europeo delle 50 aziende a maggiore capitalizzazione, al +15,57% del Nasdaq, indice tecnologico americano, passando per il più 7,13% del FTSE Mib Italiano e per il +13,59% dell’S&P 500 Americano.

E come se non bastasse anche i tanto vituperati strumenti obbligazionari, bestia nera del 2018, stanno rialzando la testa.

Morale?

Gli sventurati che hanno disinvestito in perdita, sostenendo il più delle volte anche dei costi di uscita, adesso stanno assistendo alla ripresa ma non ne fanno parte, non ne ottengono i benefici in quanto i loro soldi sono adesso inermi sul conto corrente.

Cosa faranno i mercati domani?

Ma alla fine della fiera, adesso cosa è giusto fare? E’ giusto restare alla finestra in attesa di questa tanto attesa brusca correzione dei mercati o e meglio rientrare visto che sembrerebbe che i mercati sono tornati a salire? Sapete un bravo consulente o un bravo giornalista come dovrebbe rispondere a questa domanda?

Non lo so“. Ecco la giusta risposta a questa domanda, un candido e sincero “non lo so”. Non sappiamo cosa faranno i mercati domani. Possiamo avere delle idee, possiamo basarci su degli avvenimenti passati, possiamo applicare leggi o teoremi, ma i mercati sanno sempre disattendere le previsioni ed essere originali! Ecco perché bisogna semplicemente accettare che le correzioni e le turbolenze fanno parte del gioco, ci sono sempre state e sempre ci saranno; bisogna armarsi di pazienza e nervi saldi e focalizzarsi sull’orizzonte temporale che ci siamo prefissi in partenza.

J. Bogle

Vi lascio con una suggerimento che arriva direttamente da John Bogle, un’istituzione del mondo della finanza americana, recentemente scomparso. “Non dimenticare mai il ritorno alla media. Quando tutto sembra crollare ricordate sempre che siete lontani da una media ed il tempo vi riporterà prima o poi in carreggiata. Le mani forti lo sanno e cercano di farvi vendere a tutti i costi. Se il vostro obiettivo è temporalmente lontano perchè permettere a qualcuno di arricchirsi sfruttando le vostre paure?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.