L’evoluzione nel mondo degli investimenti

Mi occupo di Consulenza Finanziaria da tanti anni ormai, abbastanza da poter constatare che, se soltanto mi voltassi indietro e provassi a ricordare il mondo della finanza e degli investimenti per come veniva concepito, interpretato, vissuto agli inizi del mio percorso, mi rendo conto di quanto questo sia radicalmente, totalmente cambiato. Di quanto io sono cambiato, più volente che nolente.

Oggi ti parlo dei processi evolutivi in atto, dell’importanza dell’evoluzione nel mondo degli investimenti. Scoprirai cose sorprendenti che ti aiuteranno a capire come comportarti. Imparerai qualcosa di molto importante dalle giraffe e dalle aragoste. Vuoi scoprire cosa cavolo c’entrano le giraffe e le aragoste con gli investimenti finanziari? Ti ho incuriosito abbastanza? Bene, allora partiamo subito, come sempre con parole semplici.

“Non è la specie più forte o la più intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento”

Charles Darwin

La giraffa affamata

 Immagina una piccola giraffa affamata che guarda con desiderio a qualche gustosa foglia sulla cima di un albero. Ebbene, secondo gli studi di Darwin, nel corso dei millenni, si è innescato un processo di selezione naturale che ha portato a sopravvivere soltanto le giraffe che nascevano con il collo più lungo delle altre.

Nel corso dei secoli, grazie al loro accoppiamento, questo processo si è sempre più affinato, facendo in modo che la specie evolvesse e sopravvivesse, creando le caratteristiche della giraffa per come la conosciamo oggi. Importante notare che l’evoluzione non è stata soltanto estetica, ha riguardato anche gli organi interni: il cuore delle moderne giraffe, ad esempio, deve sviluppare una enorme potenza, in grado di irrorare il sangue su per tutto il collo fino alla testa.

La vita dell’aragosta

“L’aragosta è un animale morbido e soffice, vive dentro un rigido guscio che non si espande mai. E come fa l’aragosta a crescere? Mentre cresce, il guscio diventa sempre più stretto e scomodo, tanto che l’aragosta non può fare altro che liberarsene. Sentendosi sempre più sotto pressione e a disagio, va quindi a nascondersi tra le rocce. Lì, più vulnerabile che mai, lascia andare il vecchio guscio e si adopera per crearne uno nuovo che possa adeguarsi alle sue necessità.

Ad un certo punto, continuando a crescere, anche questo guscio diventa stretto e scomodo. Allora, torna sotto alla sua roccia e ripete il processo, ancora e ancora. Lo stimolo che rende possibile la crescita dell’aragosta è la scomodità, il disagio, il dolore. Se l’aragosta potesse avere dei medici a disposizione, probabilmente le somministrerebbero dei farmaci per ‘sedare’ questo malessere e troverebbe una soluzione immediata, una distrazione che possa far sparire il disagio e che la illuda di aver risolto il problema senza averlo realmente affrontato. Così facendo, non si libererebbe mai di quello che non va più bene per lei.” – Abraham J. Twersky, rabbino e psichiatra di fama internazionale.

In principio fu il risparmiatore

Fino a qualche anno fa i rendimenti, il cibo, le foglie, erano dovunque, ce ne erano in abbondanza ed erano alla portata di tutti. Chiunque poteva ottenerli, chi più chi meno, anche senza rischiare nulla. Erano delle foglie succulente che crescevano copiose su tutto il tronco di tutti gli alberi, non esistevano se non pochissime foglie velenose, per cui ci si poteva cibare a sazietà rischiando praticamente nulla. I più temerari si arrampicavano sugli alberi, chi aveva il collo più lungo ne approfittava per mangiare le foglie più prelibate, ma nessuno moriva di fame.

Erano i tempi in cui prosperava la specie del risparmiatore, che vista l’abbondanza del cibo, visto l’alto rendimento dei titoli a breve termine, dei depositi, dei conti correnti, viveva beato e non ha mai avuto la necessità di imparare ad arrampicarsi su un albero, non ha mai dovuto competere con gli altri e soprattutto non si è mai chiesto se vi erano altri modi per cibarsi, altri tipi di frutti diversi dalle foglie; semplicemente perché non ce ne era mai stato bisogno.

Qualcosa cambia

All’improvviso le foglie iniziano a diventare sempre meno, e la qualità di quelle facili da raggiungere inizia a peggiorare. La vita del risparmiatore inizia a complicarsi. E’ l’inizio di un cambiamento per molti versi probabilmente irreversibile, l’alba di una nuova fase evolutiva nel mondo finanziario. Bisognerà trovare strade alternative, nuovi metodi. Bisognerà imparare a coltivare, ad avere il tempo e la pazienza di aspettare, prima di raccogliere i frutti. Il risparmiatore dovrà sempre più diventare investitore (clicca qui per scoprire le differenze tra risparmiatore ed investitore). Si assiste, a mio avviso, a 3 differenti reazioni da parte dei risparmiatori di fronte a questo processo.

  1. Semplicemente ti ostini a pensare che nulla sia cambiato, o quanto meno sei convinto che è solo un cambiamento temporaneo e che basta pazientare e tutto tornerà come prima. Le foglie torneranno ad essere tante, buone e disponibili per tutti. Te ne resti dentro il tuo guscio, in attesa che tutto torni come prima.
  2. Comprendi che è in atto un’evoluzione mica da ridere del processo di investimento, ma ti riconosci assolutamente inadeguato ad accoglierla. Non sei minimamente pronto, né culturalmente, né caratterialmente, né emotivamente per gli sforzi che questa richiederà: alzi bandiera bianca. Provi a cibarti delle poche foglie rimaste, pur sapendo che saranno sempre di meno e che la loro qualità diminuirà nel tempo. Sperando di non incappare in qualche foglia velenosa. Sai che devi liberarti del tuo guscio ma credi di non essere all’altezza.
  3. Riconosci che è in atto un processo evolutivo del modo di fare investimenti, ma lo fai senza pregiudizi, con curiosità, con l’apertura ad un cambiamento che, ti piaccia o no, sarà inevitabile. Ti rendi conto che ci sono altri modi per nutrirsi, altre strade da percorrere. Sarà facile? assolutamente no. Bisognerà, come l’aragosta, abbandonare il confort del guscio, ritrovarti nudo e costruire un guscio nuovo, diverso, più grande e più robusto, e forse tra qualche anno, dovrai rifarlo nuovamente. Ma sai che ti ritroverai più forte, sarai cresciuto, ti sarai evoluto, sarai sopravvissuto. Alla fine assaporerai dei cibi nuovi e gustosissimi che non pensavi potessero esistere!

Il ruolo del Consulente Finanziario

In questo processo evolutivo il ruolo del Consulente Finanziario è a mio avviso importantissimo. Intanto, per quanto ovvio, il Consulente per primo deve abbracciare con entusiasmo ed ottimismo il cambiamento in atto, altrimenti sarà anche lui vittima del processo inevitabile di selezione della specie. Ma questa è a mio avviso la parte più semplice del suo compito. La parte più complessa, ma anche la più gratificante ed affascinante è quella di aiutare i risparmiatori impauriti e rassegnati ad abbracciare il cambiamento; insegnando loro ad arrampicarsi sugli alberi, spiegando loro come difendersi dai nuovi pericoli e dalle nuove insidie, aiutandoli a riconoscere le foglie velenose, insegnando loro a coltivare la terra, a saper aspettare, ad affrontare le avversità, facendogli scoprire nuovi cibi buonissimi finora sconosciuti; sostenendoli, quando sarà il momento di rompere il guscio, aiutandoli a ricostruirne uno più grande e più robusto.

Ciao, alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.